3^cappella-particolare

3^ cappella destra

La cappella Gavotti presenta ancora una serie di temi mariani.
Sull’altare, la Madonna degli Angeli, di G. Baglione (1617), in cui la Vergine è raffigurata secondo i caratteri iconografici dell’Immacolata, con la testa coronata di stelle (cfr. Ap. 12) e venerata dagli Angeli (la rappresentazione ci indica Maria come “Regina Angelorum”, uno degli appellativi con cui la si invoca nelle Litanie Lauretane). Una interpretazione pittorica interessante, che ritrae Maria coi capelli scomposti e sciolti al vento.

Sulla parete di destra, il Sogno di Giacobbe (Gen. 28, 10-12), dello stesso autore.
Sulla parete di sinistra, Abramo visitato dagli Angeli (Gen. 18, 1-15), di G. Lanfranco (1617).
Questi due episodi biblici, tratti dall’Antico Testamento, riguardano due tra i maggiori Patriarchi: Abramo, il padre di generazioni, il prescelto da Dio per dare il via alla Storia della Salvezza; Giacobbe, detto Israele, padre dei dodici capostipiti delle tribù del popolo ebraico.
Entrambi sono raffigurati nel momento di loro particolarissimi incontri con gli Angeli del Signore.

Sulla volta, affreschi di Flaminio Allegrini (al Centro l’Arcangelo Michele che sconfigge Satana, raffigurato come un drago (cfr. Ap. 12, 7-9).

Siamo dunque in un contesto che presenta gli Angeli come i fedeli messaggeri di Dio e i potenti custodi dell’uomo che risponde ai disegni di Dio. Sugli Angeli e per gli Angeli Maria è costituita loro Regina.