La-cappella-di-San-Sisto---particolare

Cappella di San Sisto

Completando il percorso della navata di destra, si giunge alla cappella detta di San Sisto, collocata sul lato destro del presbiterio. In un urna collocata sopra l’altare, sono ospitate quelle che – secondo la tradizione – sono le reliquie di San Sisto I, Papa e martire del II secolo.
Nel soffitto della cappella è dipinto il martirio di San Sisto (Bozzano, sec. XIX).
Ancora un richiamo (espresso anche in altre cappelle della Cattedrale) all’altissimo valore del martirio: la suprema testimonianza di fede in Gesù Cristo.

L’altare (XVII-XVIII sec.) è dominato da una notevole tavola cinquecentesca raffigurante la Madonna in trono tra i Santi Pietro e Paolo (o Luca).
L’apostolo Pietro (a sinistra) è riconoscibile per la tradizionale fisionomia e per i colori delle vesti (tunica azzurra e mantello giallo, come già visibile in altre opere in cattedrale: Gesù e i bambini, Gesù e l’adultera, nella cappella della Misericordia).
L’altro apostolo (a destra) non ha segni distintivi particolari, per cui è difficilmente identificabile (per es. non ha la spada che è abitualmente il simbolo del martirio di San Paolo).
L’opera è da attribuirsi ad A. Pizza da Lodi (primo ventennio del sec. XVI).

Sulla parete di destra, un rilievo in marmo raffigurante la Presentazione di Maria al tempio.
Attraverso un portale, sormontato da un architrave finemente decorato, si accede alla Sacrestia vecchia.