E

Pulpito

Il pulpito, a cassa esagonale con un lato aperto, é attualmente collocato in capo alla navata centrale del Duomo nuovo, addossato al pilastro sinistro della crociera.
Le cinque specchiature, intercalate da erme angeliche, racchiudono le figure dei quattro Evangelisti, tra le quali si inserisce San Paolo che predica a una folla.
Si distinguono bene: San Marco, con il leone; San Luca, con il toro; San Giovanni Evangelista, con l’aquila; San Matteo, con l’angelo.
I quattro evangelisti sono rappresentati a figura intera, seduti su scanni insistenti su basamenti rocciosi con accanto i loro simboli.
San Paolo, identificabile per la lunga barba ed i radi capelli, si erge dall’alto di un pulpito quadrangolare sopra una moltitudine di figure descritte con varietà di atteggiamenti ed espressioni.
Al disopra di queste specchiature, campeggia l’iscrizione: VIDETE FRATRES QUOMOODO CAUTE AMBULETIS NON QUASI INSIPIENTES SED UT – SAPIENTES REDINIENTES TEM/PUS MPUS Q(UONIA)M DlES MALI SUNT. In corrispondenza dell’articolazione dei capitelli, si nota la ripetizione di alcune lettere e la cancellazione di altre.
Il significato esortativo dell’iscrizione va riferito alla raffigurata predicazione di San Paolo.
Sotto le specchiature degli Evangelisti, troviamo una serie di piccole figure a rilievo di Santi (procedendo in senso orario a partire dal lato prospiciente il presbiterio: San Pietro, San Giovanni Battista, San Gerolamo, San Gregorio Magno, Sant’Agostino e Sant’Ambrogio).
L’attuale scala marmorea sembra composta da alcune parti originali (mensole di sostegno).

Il 18 marzo 1522, Antonio Maria Aprile e Giovanni Angelo Molinari si impegnavano per la realizzazione di questo pulpito, collocato in opera due anni dopo.
Il pulpito fu realizzato tra il 1521 e il 1525.
Sembra accettabile l’ipotesi proposta dall’Alizeri, secondo il quale le parti figurate spetterebbero all’Aprile (o almeno alla sua bottega), mentre é verosimile che a Giovanni Angelo Molinari sia stata demandata la messa in opera dell’insieme e l’esecuzione degli ornati.

Bibliografia:
AA.VV., cura di Giovanna Rotondi Terminiello, “UN’ISOLA DI DEVOZIONE A SAVONA, il complesso monumentale della cattedrale dell’Assunta”, Marco Sabatelli Editore, Savona, 2002.